La banda dei Giufà e gli occhi della civetta


Non è la prima volta che vi parliamo di Giufà, un personaggio di tanti racconti siciliani, ma più in generale di diversi Paesi del bacino del Mediterraneo. E non è neanche la prima volta che vi parliamo della Banda dei Giufà. Ve ne abbiamo raccontato in occasione della presentazione del volume La banda dei Giufà (di Carlo Carzan e illustrato da Lucia Scuderi). Squadra che vince non si cambia ed ecco allora un nuovo volume, sempre per Mesogea edizioni, in cui i 4 Giufà (Giufà. Nasredin, Giaffah e Guha distinti dai cappelli che ne indicano la provenienza geografica) vivono sorprendenti avventure.

Tutto comincia a montarozzo in uno dei tanti pomeriggi in cui i ragazzi sono soliti riunirsi. Lungo la via che li porta al loro rifugio i quattro protagonisti incontrano Peppi e la sua combriccola di amici prepotenti e saputelli che sbarrano loro il passaggio… a meno che la nostra Banda dei Giufà non sia disposta a pagare una tassa. Ma i Giufà sono furbi e riescono a mettere a segno un tiro pungente… “Con gli occhi della civetta” fra monete sonanti, rametti e bucce di fico d’india. Da quel momento in poi, però, Peppi mira a una sola cosa: la vendetta. Renderà la vita impossibile ai quattro amici… Solo che, come vuole la tradizione della favola, la prepotenza e la presunzione non hanno mai la meglio sulla saggezza e soprattutto sulla furbizia.

Il volume si muove fra tradizione e innovazione, con il recupero di alcuni episodi tradizionali che infarciscono il più ampio racconto. Un modo divertente di raccontare oggi Giufà… E scoprire anche qualche parola siciliana.

Carla

(La banda dei Giufà e gli occhi della civetta di Carlo Carzan, illustrato da Lucia Scuderi, Mesogea edizioni, pag. 95, euro 12)