Quando sono a Stromboli, facciamo sempre (almeno) una capatina alla Libreria dell’Isola. Per tanti motivi: perché è una bella libreria, perché le librerie indipendenti vanno finanziate, perché c’è anche il cinema con una programmazione per bambini e adulti, perché c’è un bel giardino, perché è un posto romantico… Potrei continuare, ma mi fermo. Va da… Continue reading

Non scrivo da tantissimo tempo. Sono stata presa dalle pratiche di chiusura dell’anno scolastico e ho letto davvero pochissimo. Anche perché ai consueti scrutini, collegi docenti, consigli di classe etc. etc., nel mio caso quest’anno si è aggiunta la consegna del portfolio del cosiddetto “Anno di formazione e prova” per la conferma del ruolo. Però,… Continue reading

A volte scovi libri che non sono solo un piacere personale di lettura, ma possono diventare un vero e proprio strumento di insegnamento della lingua italiana e dei suoi segreti. In questo modo si è configurata la scoperta di Così belle da innamorare le stelle. Piccolo manuale per imparare a scrivere e leggere poesie di Andrea Molesini che non… Continue reading

Qualche giorno fa, vi dicevo che vi avrei parlato di un libro che ho preso in prestito a Martina, la direttrice dell’asilo di Tito. Lei ha organizzato una cassettina all’ingresso della scuola, dove ha inserito parecchi titoli di interesse “mammesco” e qualche giorno fa, con la sua copertina rossa, spiccava Manifesto della mamma imperfetta di Giordana Ronci, con illustrazioni… Continue reading

Come NON crescere un figlio perfetto di Libby Purves è stranamente un libro che mia è stato prestato. Non so se vi ho mai parlato di Martina. Credo di no, perché – in qualche maniera – è un’acquisizione tutto sommato abbastanza recente della mia vita, visto che è la direttrice dell’asilo che frequenta Tito (con grande soddisfazione non solo… Continue reading

1001 attività per raccontare esplorare giocare creare con i libri di Philippe Brasseur è libro perfetto per trascorrere gli assolati e bollenti pomeriggi estivi (ma anche quelli freddi e piovosi invernali) con i propri bambini, animando quel gusto per la lettura e per la narrazione che è necessario nutrire sin da quando si è piccolissimi. A consigliarlo,… Continue reading

Il titolo del libro di cui vi parlo oggi, L’importanza di chiamarsi Hemingway di Anthony Burgess fa il verso a L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde. E il gioco di titoli raddoppia, visto che già quello dell’opera di Wilde, nota anche come L’importanza di essere onesto (probo, franco, fedele) “scherza” con il nome del protagonista – che proprio come… Continue reading